23/12/07

Una stella sulla strada di Betlemme

Cari amici, lettori e visitatori,

auguro a tutti molto semplicemente di trascorrere un Natale sereno insieme ai vostri cari. Dedicate a loro i vostri pensieri senza dimenticare chi soffre. Facciamo propositi "buoni" che non svaniscano con l'eco del brindisi e con il profumo delle grasse pietanze natalizie. Ricordiamoci che il significato del vero Natale non è racchiuso nei doni scambiati, ma nella ricerca dell'Amore...per qualcuno sopito, per qualcuno dimenticato, per qualcuno mai conosciuto.

Ho scelto una poesia e due brani, che interpretano e sintetizzano quello che vi vorrei dire...

Un abbraccio


Una stella sulla strada di Betlemme

Boris Pasternak

Era inverno

e soffiava il vento della steppa.

Freddo aveva il neonato nella grotta

sul pendio del colle.

L’alito del bue lo riscaldava.

Animali domestici stavano nella grotta.

Sulla culla vagava un tiepido vapore.

Dalle rupi guardavano

assonnati i pastori

gli spazi della mezzanotte.

E lì accanto, sconosciuta prima d’allora,

più modesta di un lucignolo

alla finestrella di un capanno,

tremava una stella

sulla strada di Betlemme.

---------------------

Un brano del libro

Le feste di Natale

Fjódor Michájlovich Dostoévskij

Per i detenuti il rispetto del giorno solenne assumeva addirittura le forme di un certo qual decoro; pochi gironzolavano; tutti erano seri e come impegnati in qualche cosa, sebbene molti non avessero quasi nulla da fare. Ma anche gli oziosi e gli sfaccendati si sforzavano di mantenere un certo contegno... Oltre a un’innata venerazione per il giorno solenne, il detenuto inconsciamente percepiva che, osservando la ricorrenza, era come se si mettesse in contatto con il mondo intero…

------------------------

Un brano del libro
Un bambino per sempre. Meditazioni sul natale

Giovanni Testori


Col Natale di Cristo, Dio offre all’uomo il suo perdono; e l’offre per tutto il prima della storia, per tutto il presente d’allora e per tutto il futuro di poi. Dunque, il perdono come atto, in assoluto, natalizio; come atto di rinascita; anzi, di nuova, continua nascita. Questo, nel doppio senso: di perdono chiesto e di perdono offerto. Se vale, a questo punto, l’esperienza di chi scrive, vorremmo dire che d’una cosa soprattutto ci sentiamo rattristati appena ci volgiamo indietro per dar giusta misura alla cenere della nostra vita: di non aver chiesto abbastanza perdono a Dio e di non averlo mai abbastanza offerto ai nostri fratelli. Il gesto di Giovanni Paolo II diventa esemplare; e stimola, col senso di colpa per tutto il perdono non chiesto e non dato, il bisogno di quella richiesta e di quell’offerta; le quali vivono in inscindibile reciprocità; quella reciprocità d’amore che è vera nascita; quella nascita per cui anche l’ultimo giorno di vita può essere il primo; quella nascita d’amore in cui veramente consiste il Natale di Cristo; e, per diretta conseguenza, il Natale di tutti gli uomini venuti, prima, durante e dopo di Lui.

26 commenti:

  1. Auguroni anche a te, Andrea. E voglio dirti che non credo esista uno specchio che faccia vedere l'anima:).

    E visto che mi leggi linko il tuo blog nella pagina dei "blog che mi leggono", qui:

    http://websomethingelse.blogspot.com/2007/09/who-reading-my-blog-chi-legge-il-mio.html

    RispondiElimina
  2. Eh ma già li avevo letti tuoi auguri, ma poi mi sono distratta con il post precedente, sono andata sul blog di Ilaria e mi sono persa!

    Io ogni anno penso che è pazzesco il modo in cui il mondo si mobiliti (consumisticamente parlando) per il Natale. (io pure nel mio piccolo lo faccio...). mi chiedo il perchè e la risposta che mi sono data è che questa festa, che per chi crede ha un significato particolare, anche per chi non crede è una festa che cerca di tirare fuori il buono che c'è in noi, che da la sperabza a tutti di poter essere migliori anche solo per mezza giornata. Il desiderio di bene, di speranza...anche se alla fine viene espresso in modo consumistico, forse perchè è quello più immediato.

    Tanti auguri di un sereno Natale anche a te.
    (che buoni gli struffoli con il miele!)

    RispondiElimina
  3. Manu, mi auguro che il desiderio di bene e di speranza sopravviva più a lungo di mezza giornata. Sarebbe bello!

    Ti rinnovo i miei auguri e ti penserò quando mangerò gli struffoli;). Scherzo ti penserò anche prima e dopo;).

    Baci

    RispondiElimina
  4. Tanti auguri per un sereno Natale!

    ps ottime scelte letterarie!

    Federico

    RispondiElimina
  5. Carissimo Federico, grazie per la tua presenza:).
    Sono contenta che le mie scelte letterarie incontrino il tuo gusto;)

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Gaetano Barbella23 dicembre 2007 22:10

    Auguro a tutti buon Natale e il mio cuore campano vi offre una poesia d'occasione fatta da S. Alfonso dei Liguori.
    Non occorre che la traduca perché si capisce molto bene. Dice così:
    Quanno nascette Ninno a Betlemme
    era notte e pareva miezojurno.
    Mai le stelle – lustre e belle,
    se vedettero accossì;
    e 'a cchiù lucente
    jett'a chiammà li Magge all'Uriente...

    RispondiElimina
  7. Carissima Annarita,
    tanti cari auguri di Buon Natale...
    un abbraccio affettuoso :-)

    RispondiElimina
  8. @Gaetano: caro amico, come al solito, sai trovare parole stupende.
    Ricambio gli auguri sinceramente, ringraziandoti per i preziosi contributi che mi hai elargito e che sono sicura non mancheranno in futuro:). Un augurio sincero anche ai tuoi cari.

    Bacioni:)

    RispondiElimina
  9. Tanti auguri anche a te, Annarita! :)

    RispondiElimina
  10. Un post stupendo Annarita, avrei voluto fare una cosa come la tua, riempirvi di link e tanto altro ancora purtroppo oggi ho avuto davvero pochissimo tempo!
    Beh ti faccio i miei più sinceri auguri di Buon Natale, a te, e a tutta la tua cara, famiglia tanta bontà e tanta felicità!! :P

    PS: sto facendo la corsa per andare in tutti i blog a fare gli auguri, eeheheh mi sembra quasi come quando si va da tutti gli amici e parenti a far gli auguri!! :P

    RispondiElimina
  11. Ciao Annarita, ricambio di cuore gli auguri di Buon Natale.
    Non pensiamo solo alla festa esterna-involucro commerciale dei regali, ma anche alla festa più interna, più vera.

    RispondiElimina
  12. Auguri di serene festività!!
    .:.

    RispondiElimina
  13. Auguri Annarita !! :D

    RispondiElimina
  14. Pino, lostinthesky,hermansji, alberto, redemption : siete molto cari...un abbraccio sincero.

    Raffaele, va bene così. Come suol dirsi è il pensiero che conta. E quello c'è alla grande:). Un bacione

    RispondiElimina
  15. Ti faccio gli auguri anche a "casa tua" perchè so per certo che anche tu "CREDI", vero Annarita ?

    Buon Natale

    RispondiElimina
  16. Contraccambio augurandoti un sereno Natale.
    Saluti,
    Daniele

    RispondiElimina
  17. Danilo |the blog's book|24 dicembre 2007 19:04

    ciao Annarita,
    ci sono pure io anche se in ritardo come sempre.

    Tanti auguri di un lieto e felice Natale a te e alla tua famiglia.

    RispondiElimina
  18. Auguri Annarita, il mio sorriso come piccolo regalo di Natale. :)

    RispondiElimina
  19. Carissima Annarita auguri sinceri di Buon Natale da Luciano

    Design & Pasta blog!

    RispondiElimina
  20. @Cristiano: sì, credo:)

    @paso, Danilo, Elena, Luciano: un abbraccio:)

    RispondiElimina
  21. Ciao annarita!

    Grazie per i tuoi interessanti blog e post!
    Buon Natale!
    Ciao!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...