24/05/09

Davanti Al Mare

In un attimo di introspezione, immersi in un paesaggio di cui si avverte la naturale potenza, si ritrova il coraggio di guardare avanti, per affrontare un futuro che non spaventa più [cliccare su continua a leggere...per leggere il componimento].

Davanti al mare

Sfido l’orizzonte

intuendo forme

che diverranno note

a poco a poco,

quando lontano e vicino

si confonderanno

generando il coraggio

di vedere ciò che cambia,

di accogliere in uno sguardo

quanto vi può entrare,

in un attimo

di orizzontale

stupore.


Post correlati
Sferiche Armonie [Un Acrostico]
Atomi Di Memoria [Poesia Rigorosamente Mia]

33 commenti:

  1. Annarita, ho letto la tua poesia,
    riletta e ri-riletta, so che la rileggerò ancora.
    mi ha data tanta emozione leggerla
    non ti nascondo che mi sono commossa.

    "sfido l'orizzonte"

    picoli atomi, che navighiamo, senza sapere, da dove veniamo e nè dove andremo, ne chi siamo e ne chi siamo stati!

    Mi chiedo spesso se l'atomo ha un'anima.


    Ti abbraccio...

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia. Ho sempre pensato tu sia una persona davvero sensibile e gentile d'animo.

    Rino, leggendo e rileggendo.

    RispondiElimina
  3. Una poesia pregna d'atmosfera coinvolgente. Musicalità d'espressione in un concerto di parole. E' una lirica molto bella cara Annarita, bella e carezzevole.
    Un caro saluto.
    Annamaria

    RispondiElimina
  4. E' davvero emozionante...
    Non ti chiedo niente, anche se la voglia è tanta...

    RispondiElimina
  5. Ciao Annarita. Conosco la tua vena poetica e i bellissimi versi che scrivi. Mi meravigli sempre, perchè sei poliedrica assai.
    Ci vuole davvero tanto coraggio nell'accogliere ciò che cambia.
    Mai abbondare la voglia di stupirsi.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  6. Mi mancavano i tuo componimenti.....bella ed emozionante, come quelle già lette, grazie per averla condivisa con noi.
    Ciao, roberta.

    RispondiElimina
  7. Davanti ad un'orizzonte così immensa come il mare non si può che pensare positivo, purificare la mente e ritrovare il corraggio per andare avanti......
    Complimenti!

    RispondiElimina
  8. Incantata! come dinnanzi al mare col suo orizzontale stupore....
    Hai saputo dare parole alle emozioni e non solo...

    Con ammirazione...
    france

    RispondiElimina
  9. Annarita, per essere "un attimo" questi versi sono di una profondità sconvolgente...
    Che tu sapessi generare emozioni in poesia lo so da un bel po', questa è l'ennesima conferma!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  10. Una incantevole magia. Buona vita e buona poesia.

    RispondiElimina
  11. Anche la mente con le sue categorie potrebbe arrestarsi davanti al mare e quell'orizzontale stupore non s'imbriglia...
    Che sia un guizzo di pesce?
    Bella, intensa, secondo me con movimenti più visibili e altri un po' meno, proprio come il mare :)
    Un abbraccio!


    Bruno

    RispondiElimina
  12. Bello il passaggio dall’orizzonte sconfinato sul mare all’orizzonte imperscrutabile dentro di te, dallo sguardo distratto verso l’esterno a quello più introspettivo e consapevole.Colgo un' alternanza di senso di attesa e stupita serenità interiore.

    Complimenti!

    RispondiElimina
  13. Bella davvero, Annarita. Ti auguro che ad ogni nuovo orizzonte lo sguardo continui ad allargarsi, per accogliere e comprendere sempre più cose, senza mai perdere lo stupore ed il gusto della bellezza.
    Anch'io ripasserò volentieri a rileggerla.
    Con affetto, Vincenzo.

    RispondiElimina
  14. Carissimi, vi ringrazio tutti per aver avuto la bontà di leggere...e apprezzare:)

    Un abbraccio cumulativo.
    annarita

    RispondiElimina
  15. mi mancavano le tue poesie.
    tutto nelle tue mani diventa sublime.
    Un abbraccio.
    Dovresti scrivere più poesie, magari crearti un angolo per i tuoi capolavori.

    RispondiElimina
  16. Se non si conoscesse Annarita Ruberto per quella che è, una valente docente di matematica e scienze della scuola media, una donna infaticabile, non solo per l’insegnamento, ma anche per la gigantesca attività nel mondo di internet, non si capirebbe la fonte di tanta energia che si rivela in questa poesia. Una forza che la spinge ad una sfida al “mare” della vita che ella si propone di fronteggiare, giusto il suo sguardo della foto, tutto proteso a scrutare bene il da farsi onde accingersi come ad un viaggio quasi da coraggiosa argonauta dei tempi moderni.
    Ma non per poi elevarsi da essere mortale a semideo, bensì da specifica donna capace per restare insieme agli altri esseri in modo “di accogliere in uno sguardo / quanto vi può entrare, / in un attimo / di orizzontale / stupore”. Ecco il giusto luogo di un’umanità difficile da realizzare, ma non impossibile.
    Mi sovviene il premio Nobel Rita Levi Montalcini nel suo saggio «Abbi il coraggio di conoscere» (ed. Rizzoli) che parla appunto del coraggio necessario agli studiosi per aprire sempre nuove rotte alla ricerca, per difendere la dignità e la vita dell’uomo.
    Il pensiero – scrive Rita Montalcini – elaborato mentale che scaturisce dalle infinite estrinsecazioni del mantello cerebrale dell’Homo sapiens, è sconfinato: non ha colonne d’Ercole.
    Come tutte le rivoluzioni anche quella della conoscenza richiede coraggio: conoscere significa innovare, sradicare convinzioni errate, andare contro corrente.
    Ecco che così facendo “Il Pensiero”, dell’altra poesia esposta da Annarita, “Nasce tremulo, / incede esitante. / Si ferma un istante, / poi avanza sicuro. / Si libra lieve e ineffabile, / irraggiungibile e inafferrabile, / là dove non ci sono confini.».

    Gaetano

    RispondiElimina
  17. Carissima Annarita , ritorno e mi trovo davanti questi versi !!! mi hanno emozionato tanto , come tutte le tue poesie che mi mancavano tanto .E' intensa , positiva e piena di stupore ,come sei tu . Una bell'anima che vede , anche nelle piccole cose , bellezza e sostanza .Brava , ti saluto e ti abbraccio con stima e affetto
    Paola

    RispondiElimina
  18. Cara Raffaellina, tempo al tempo. Il lavoro mi assorbe a 360°. Scrivere è per me uno sfogo dell'anima... niente di più, niente di meno;)

    baci
    annarita

    Caro Gaetano, come sempre, sai rendere prezioso un semplice canovaccio di pensieri. Grazie, carissimo amico, per esserci.

    Cara Paola, mi sei mancata. Grazie anche a te per essere passata di qui, nonostante i tuoi impegni importanti di questo periodo.

    Un abbraccio a tutti

    RispondiElimina
  19. Bella ed emozionante. Non sapevo che fossi così brava anche a scrivere poesie!
    un caro saluto

    RispondiElimina
  20. Ciao Annarita, passo per salutarti ma con la testa non ci sono per poterti lasciare un mio pensiero sulla tua poesia. Scusami!
    Buona serata e buona vita, Viviana

    RispondiElimina
  21. Ciao, Angelo, un caro saluto anche a te:)

    A presto.

    RispondiElimina
  22. Viv, cerca di riacquistare un po' di serenità. Non devi scusarti di nulla. Mi basta che tu ci sia:)

    Un abbraccio.
    annarita

    RispondiElimina
  23. Sorellina, bravissima, versi toccanti.
    Ripassero per un furto.
    Buona notte.
    Vale

    RispondiElimina
  24. Buona notte anche a te, cara rosy:)

    RispondiElimina
  25. Ecco una poesia che mi appare in versi meno vincolati da legami formali, come nella bella e giovanile prova: "Il Pensiero". Questo è significante della padronanza di Annarita del verso libero (non come scorciatoia per evitare la FORMA, per me fondamentale in poesia) che rende, con poche immagini di forte impatto emotivo, la bellezza e la musicalità del messaggio poetico. In sostanza, Annarita, mette qui versi liberi, per scelta formale, avendo già dato prova di capacità di studio e limatura dello scritto che diventa POESIA quando arriva, dopo il lavoro componitivo, ad essere fissato su foglio reale o su schermo.
    Lavoro quindi ottimo per questo usare poche parole per spunti molteplici e forti suggestioni.
    Brava, Annarita.
    Danis-Sabina
    http://xdanisx.splinder.com
    SEGUE...

    RispondiElimina
  26. Il senso del componimento è profondo ma non appesantito da pensieri duri, c'è gentilezza espressiva che sottintende con garbo, la durezza del vivere.
    Nasce una sfida con quell'orizzonte che è quasi creatura "orizzontale" ed i contorni di mare, di cui arrivano suggestioni di profumi e suoni, sono vaghi e cercano di essere, metaforicamenti pronti ad un disvelarsi coraggioso. Ecco la nota letteraria ed esistenziale. Da uno sguardo d'incanto, con l'ignoto, si può acciuffare il bello e renderlo a noi chiaro, e come tale, privo di valenze fobiche. Un invito alla vita sempre e comunque da accettare.
    Il tutto col valore di un coraggio che è in dotazione dell'essere umano. Ci noto stralci di occhi dischiusi e un pensiero intimo da condividere.
    Bravissima, Annarita.
    Spero ti arrivino i miei baci e il mio GRAZIE per la positiva e bella riflessione.
    Danis
    Sabina

    RispondiElimina
  27. Ho rubato e messo in vetrina
    http://utilizerapagain.blogspot.com

    RispondiElimina
  28. Sabina, cosa dire? Mi hai "spiazzata" e sorpresa come sai fare tu...

    I tuoi baci sono arrivati, accettati e rispediti con affetto e simaptia sinceri.

    Grazie per l'analisi, sicuramente impegnativa.
    annarita

    RispondiElimina
  29. Grazie, Pier. Passerò più tardi da te:)

    RispondiElimina
  30. Bellissima poesia, mi ha fatta rabbrividire... leggendola, sembra davvero di essere al tuo fianco e di vedere attraverso i tuoi occhi...

    RispondiElimina
  31. L'osservazione della natura ci porta spesso all'introspezione, al confronto del nostro essere con l'universo e il suo divenire. Un caro saluto, Fabio

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...