10/02/09

Atomi Di Memoria [Poesia Rigorosamente Mia]

Ecco qui la poesia, tolta dal post precedente per i motivi lì indicati





Atomi di memoria

Piccola mano,

intrecciata alla mia mano

di bimba.

Fiocco bianco

fra i lunghi capelli biondi.

Voce di mia madre,

richiamo lontano.

Lame di luce

trafiggono il buio

intorno.

Camici bianchi,

dolore profondo.

Pianto di bimbo, il mio.

Cerchi nell’acqua,

uguali e diversi.

Brivido sulla pelle.

Atomi di vita,

cristallizzati nella

memoria.





NOTA: l'immagine è stata presa dalla rete.

E questo è il resto.

45 commenti:

  1. Oltre che come insegnante, ti ho sempre stimata come poetessa (vedi i miei commenti da Pier Luigi) e ti avevo pregata di non ritirarti perchè la tua presenza rendeva più prestigioso il concorso.

    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. E' veramente bellissima, complimenti!!

    RispondiElimina
  3. Ho i brividi anche io nel leggerla..
    Complimenti Annarita è bellissima!

    RispondiElimina
  4. Bellissima...scrivi in modo profondo, ogni verso sembra penetrarti nell'anima.....
    Baci

    RispondiElimina
  5. Ciao, Annarita. Sono dispiaciuta per quello che ti sta accadendo. Voglio farti senire tutta la mia solidarietà...anche perchè sarei tua complice.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  6. cerchi nell'acqua... che arrivano dritti al cuore..
    Grazie Annarita!

    RispondiElimina
  7. Ciao Annarita,che brutta cosa l'invidia...maggiorata ulteriormente dalla cattiveria dell'anonimato.
    "Non ti curar di loro,ma guarda e passa",questa sì che l'ho "copiata" perchè rende molto bene l'idea!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  8. Carissima,
    la tua poesia è raffinata e profonda, e non mi sorprende per quel poco che ti conosco:)
    Mi dispiace per la tua disavventura, cmq, sono sicura che il valore delle tue righe non si appannerà mai.
    Tanti baci :****

    RispondiElimina
  9. In questo periodo, il riferimento alla figura materna suscita in me particolari sentimenti.
    L'immagine della lontananza e della perdita sono tanto recenti e reali, da farmi sentire, con maggiore partecipazione, il senso nascosto nei tuoi versi.
    Ti abbraccio :-*

    RispondiElimina
  10. Amici, vi ringrazio tutti di cuore per le vostre belle parole.

    In particolare, saluto Saretta che non sentivo da tempo e offro il mio benvenuto alla piccola Myriam.

    Un abbraccio cumulativo.

    RispondiElimina
  11. Saba, brividi e lacrime? Di commozione queste ultime...o di cosa?;)

    RispondiElimina
  12. Ciao Annarita, molto bella e profonda anche questa poesia, che verso dopo verso fa sprofondare sempre più nostalgicamente nei ricordi... per poi riportarti alla staticità cristallizata dell'attimo in cui la leggi... complimenti :)

    RispondiElimina
  13. Grazie, Pia. Benvenuta:). Ti aspetto ancora...

    RispondiElimina
  14. Anche da parte mia, i complimenti più sinceri !

    Bravissima.

    RispondiElimina
  15. Versi intimi e sofferti tessuti con stile si inseguono, si fondono.

    Poesia intensa, Annarita.

    Un abbraccio.

    Federico

    RispondiElimina
  16. Stupenda e intensa, complimenti come sempre Annarita :)

    RispondiElimina
  17. Cara Annarita. L'ho riletta tre volte perchè è mol... Cara Annarita. L'ho riletta tre volte perchè è molto intensa. Traspare la sofferenza e un senso di una perdita e di un disorientamento. Non so cosa ti stia accadendo in questo periodo ma presumo che stia vivendo un periodo triste o che stia ricordando un dolorosa esperienza.
    E' molto bella e dà l'immagine di ciò che vuoi trasmettere e soprattutto gridare . Forse interpreto male , ma ti sto comunicando le sensazioni che i tuoi versi, nitidi ed efficaci, mi hanno trasmesso.
    (non immaginavo che scrivessi anche poesie)
    complimneti sinceri
    un caro abbraccio

    RispondiElimina
  18. pubblicata è bellissima ma come continua?

    RispondiElimina
  19. Marianna, continua...ma non intendo pubblicarlo per il momento;)

    Vedremo più avanti.

    baci
    annarita

    RispondiElimina
  20. Ma che bella, complimenti Annarita! Un bacio :)

    RispondiElimina
  21. Dudy, Matteo, Federico, Raffaele, Elisa, Antonio, grazie per aver apprezzato.

    Un abbraccio cumulativo
    annarita

    RispondiElimina
  22. Non mi era ancora capitato di leggere delle tue poesie, Annarita ;)
    Questa è bella, non c'è dubbio, anche se alcune sue parti posso solo lontanamente intuirle.
    Son passato anche nel sito del concorso ;)
    Complimenti!


    Bruno

    RispondiElimina
  23. Cara Annarita, non sapevo che tu ti dilettassi anche a comporre poesie. Sei molto brava ed eclettica come Mauro, guarda caso altro matematico con il pallino della composizione letteraria. Ti faccio i miei migliori complimenti perchè ho apprezzato i tuoi versi.
    Enzo

    RispondiElimina
  24. Cara Annarita, non immaginavo di questa tua vena poetica!
    Ho letto entrambe le poesie attentamente e, in tutti e due i casi ho avvertito chiaramente un uso misurato delle parole non solo per il significato e le immagini che evocano ma per il suono ed il ritmo che le contraddistingue.
    Personalmente preferisco questa poesia, le immagini sono brevi, intense e nitide. Tutte percorse da un misterioso fil rouge, nascosto sottotraccia di cui si percepisce l'esistenza ma non si comprende la natura.

    Un caro saluto

    PS. sul mio blog trovi il link a Libri e dintorni, un blog letterario molto sensibile alla poesia che lascia spazio a tanti scrittori. Magari ti interessa.

    RispondiElimina
  25. Ciao, Annarita. E' molto bella la tua poesia.
    La tenerezza e la nostalgia, la magia di diventare madre... Il mistero della vita che continua di cordone in cordone, senza spezzarsi mai...

    RispondiElimina
  26. Grazie, Bruno, e grazie, Enzo, per la vostra testimonianza.

    Siete due persone estremamente sensibili.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  27. Michelangelo, grazie per aver voluto esprimere le tue impressioni. Verrò sul tuo blog a visitare il link che mi hai indicato.

    Ancora grazie e a presto.

    RispondiElimina
  28. Ciao, Pietro. Che piacere la tua visita.

    Hai colto il senso profondo di quel che la poesia vuole trasmettere.

    Grazie della tua sensibilità.

    A presto.
    annarita

    RispondiElimina
  29. Bella, proprio bella. Mi ha convinto a linkarti, se per te va bene...

    RispondiElimina
  30. Benvenuto! Sicuro che va bene, Vincenzo. Sono già passata dal tuo blog.

    RispondiElimina
  31. Bella e commovente..non mi sorprende vista la sensibilità che ti caratterizza..brava!!

    RispondiElimina
  32. Oila'! preferisco questa all'altra che mi hai presentato.
    Mi ha fatto entrare in una dimensione piu' "intima".

    RispondiElimina
  33. Sicuro, Vittorio. Le poesie sono diverse tra loro e toccano corde diverse.

    Grazie di essere passato.

    annarita

    RispondiElimina
  34. Beh, sappi che passo spesso, anche se silenziosamente.
    Buon lavoro!
    Mister_NixOS

    RispondiElimina
  35. Camici bianchi,
    dolore profondo


    per un attimo ho rivissuto un'esperienza antica, dolorosa.

    Complimenti, Annarita.

    RispondiElimina
  36. Vittorio, mi fa molto piacere...

    RispondiElimina
  37. Sì, Mauri, esternare il proprio sentire lancia un fil rouge tra anime.

    Grazie dell'apprezzamento.

    Baci
    annarita

    RispondiElimina
  38. @Annarita Se ti dico che ho gli occhi lucidi, mi credi?
    Con questo penso di avere già reso l'idea.
    Roberto

    RispondiElimina
  39. che dire...
    c'è poco da aggiungere ai complimenti, meritati, che già hai avuto!
    Si aggiunge un motivo per visitare il tuo splendido blog!

    RispondiElimina
  40. @NemesisNemo: grazie! Ti aspetto...:)

    RispondiElimina
  41. Brava, prof., non sei forte solo in fisica e matematica allora?
    Complimenti, ciao Annarita. enzo.

    RispondiElimina
  42. Mooolto bene! Ecco che scopro, con piacevole stupore, anche la tua vena poetica! Complimenti! Versi intensi. Un abbraccio. Rita.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...